• Un blog fuori dall'ordinario per essere sempre informati
    su trend e novità tecnologiche

    A cura di Stefano Abbate
  • 8.3.13
    La tecnologia della radio che rincorre quella della televisione

    Vi è mai capitato, durante un viaggio, di dover continuamente cambiare stazione radio perchè il segnale viene perso o si degrada? Ciò accade perchè la trasmissione avviene da potenti antenne che inviano il segnale radio (FM) e sono dislocate in punti fissi. Man mano che ci si allontana da un punto ad un altro (dopo parecchi chilometri) il segnale si attenua e bisogna ricercare la stazione, solitamente su un'altra frequenza. Tuttavia le radio più moderne sono in grado di effettuare questa operazione automaticamente (funzione AF con RDS) grazie alla ricerca di una frequenza avente lo stesso nome (identificativo) della stazione in ascolto. Rimane però il problema del segnale radio che, a volte, può risultare degradato per la presenza ad esempio di montagne o gallerie.

    Le autoradio satellitari consentono di risolvere in parte questi problemi anche perchè c'è una piccola memoria che mantiene i contenuti già ricevuti ma non ancora riprodotti. Le autoradio satellitari, inoltre, ricevono lo stesso segnale direttamente dal cielo e i canali sono memorizzati in posizioni predefinite come accade per la tv digitale terrestere e quella satellitare. E' però necessario un abbonamento annuale per poter ricevere i canali, molti dei quali sono tematici e organizzati anche per stile musicale, tipo di notiziario, eventi, sport, ecc.


    Sebbene in Europa sia predominante l'utilizzo della tecnologia FM, nel Nord America si fa largo utilizzo della radio satellitare (offerta da SiriusXM) anche perchè costerebbe molto coprire vaste aree geografiche con antenne radio in grado di fornire le stesse stazioni in tutta la nazione. Naturalmente il servizio non si limita alle sole autoradio, ma a tutte le radio satellitari presenti in casa, centri commerciali, ecc. Non credo che questa tecnologia scalzerà nel breve periodo la classica radio FM, ma ci sarà un tentativo di entrare nel mercato inserendo le radio satellitari in auto di fascia alta. O forse non lo farà mai se, ad esempio, si userà un'altra tecnologia che consenta la ricezione del segnale direttamente in streaming via Internet, sfruttando la connessione dati offerte dagli operatori telefonici...


    Sono presenti 0 commenti

    Inserisci un commento



    ___________________________________________________________________________________________
    Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
    Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
    Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa